Che cos’è l’Ethereum? Una guida dettagliata a questa Cryptocurrency

Ethereum

Risolto il grande dibattito Ethereum contro bitcoin

L’Ethereum potrebbe non essere nato per il suo programmatore, ma per il suo programmatore che riceve meno di un’approvazione selvaggia da parte della soffocante comunità Bitcoin. Lo sviluppatore Vitalki Buterin ha originariamente proposto l’idea di Ethereum come progetto Bitcoin. Ahimè, il suo concetto non ha ottenuto un sostegno massiccio, e così è tornato a casa per ripensarci.

Buterin voleva disperatamente dApps (applicazioni decentralizzate) usando un linguaggio di scripting sulla rete Bitcoin. Dopo essere stato respinto, un Buterin imperterrito portò la sua idea altrove, e nacque Ethereum. Usò il crowdfunding per trasformare il suo sogno in realtà, e nacquero i gettoni Ethererum. Chiamate Ether, queste monete potevano essere acquistate con Bitcoin.

Perché è stato creato l’Ethereum?

Per molti versi, l’Ethereum ha sbloccato il pieno potenziale della catena di blocco. Utilizza una tecnologia innovativa per dare alla catena a blocchi dell’Ethereum una versatilità e una portata maggiori di qualsiasi cosa la catena a blocchi Bitcoin abbia raggiunto finora.

La catena di blocco dell’Etereum diverge dalla catena di blocco Bitcoin in un’area cruciale. Bitcoin utilizza la blockchain per controllare e monitorare la sua criptovaluta, mentre Ethereum ha aperto la sua blockchain agli sviluppatori di dApp. Su Ethereum, questi sviluppatori hanno accesso all’esecuzione di una serie di applicazioni sulla Ethereum Virtual Machine (EVM). Questa architettura innovativa consente alle dApp di accedere alla stessa blockchain senza un sistema di controllo centralizzato, mantenendo la protezione contro le azioni fraudolente.

La sua criptovaluta, Ether, alimenta l’intera rete globale di Ethereum. L’etere è il carburante che aiuta a pagare la potenza e le risorse necessarie per far funzionare le dApp sulla rete dell’Ethereum.

In altre parole, l’etere (ETH in breve) non è tanto una moneta criptata quanto piuttosto un gettone di utilità che può essere utilizzato per alimentare l’esperienza di un utente sulla rete dell’Ethereum. Il Bitcoin può essere utilizzato come metodo di pagamento per beni e servizi, ma il token Ether dell’Ethereum è spesso rappresentato come un “olio digitale”. Questa rappresentazione si riferisce alle proprietà lubrificanti del gettone per mantenere gli ingranaggi EVM in rotazione in modo produttivo.

Ok, ma può spiegare come funziona l’Ethereum?

Invece di richiedere alle dApp degli sviluppatori di creare una blockchain separata per le singole applicazioni, Ethereum consente a una moltitudine di dApp di operare su un’unica rete, tutte alimentate da Ether. Come già detto in precedenza, l’innovazione significativa di Ethereum è che consente agli sviluppatori di distribuire le dApp.

In effetti, ci sono molti aspetti di Ethereum da apprezzare. Ma senza dubbio, i contratti intelligenti sono il più importante e il più intrigante di tutti, se si considera Ethereum.

I contratti intelligenti sono autonomi quando vengono implementati sulla catena di blocco dell’Ethereum. Questi “agenti”, se volete, contengono i dati e la codifica necessari per facilitare lo scambio. Questi scambi riguardano quasi tutto ciò che ha un valore intrinseco, per esempio denaro, proprietà, azioni e molti tipi diversi di contenuti digitali.

I contratti intelligenti, quando si naviga nella blockchain, sono considerati altamente sicuri e protetti da frodi, censura e tempi di inattività.

Ethereum

Ethereum – i pro e i contro che dovreste conoscere

In questa prossima sezione, esamineremo i lati positivi e negativi dell’Ethereum e come le dApp possono trarre vantaggio dalla catena di blocco dell’Ethereum. Esamineremo inoltre da vicino alcune delle limitazioni, anche se minori, per fornire un’analisi ragionata dei pro e dei contro dell’Ethereum.

Prima di tutto, quindi, i vantaggi

La rete dell’Ethereum ha diversi punti di forza, non ultimo la sua immutabilità. Questa immutabilità significa che una terza parte non può apportare modifiche ai dati memorizzati nella catena di blocco dell’Ethereum senza prima ottenere l’approvazione. Si tratta di un punto di forza molto significativo e fondamentale che rappresenta un punto di forza significativo per l’Ethereum.

Ciò che sta dietro a questo punto di forza è la crittografia. La crittografia sulla piattaforma Ethereum protegge tutte le dApp (applicazioni) da qualsiasi forma di cyber-attacco e interferenza da parte di un cattivo giocatore.

Le applicazioni rafforzano questa robustezza attraverso il loro design. Tutte le dApp che operano sulla piattaforma Ethereum sono progettate da zero per essere super affidabili, prive di crash e offrono un uptime 24 ore su 24, 7 giorni su 7.

Anche l’avvento dei contratti intelligenti è una pietra miliare evolutiva, perché i contratti intelligenti sposano la tecnologia con accordi legalmente vincolanti. Il contratto smart consente l’esecuzione automatica di scambi di valore quando vengono soddisfatti determinati criteri. E lo fanno ben protetti da manipolazioni o interferenze da parte di terzi.

E ora i contro di Ethereum

In tutta onestà, ci sono molti lati negativi dell’Etereum. Se vi state interessando all’Ethereum, apprezzerete già il fatto che altri altercoins offrono molte più caratteristiche che mancano all’Ethereum. Altri crittografi offrono più capacità e funzionalità. Ma non avete sempre bisogno di fischietti e campanelli, giusto? Funzione su forma, come si dice.

La prossima truffa dell’Ethereum vale per qualsiasi piattaforma che permetta l’esecuzione di dApp, ma forse anche di più per l’Ethereum. E questo è il quasi continuo aggiornamento dei server sulla rete di Ethereum. Uno dei contro dell’essere progressivi è la necessità di aggiornamenti, che può occasionalmente avere un effetto negativo sulle dApp che girano su questi server.

Lo sapevi?

Ethereum non ha messo un tappo al numero di gettoni di utilità Ether disponibili in natura. La maggior parte delle principali valute crittografiche – incluso il Bitcoin – hanno già dichiarato il limite superiore della loro fornitura di monete. L’Etereum, d’altra parte, ha continuato ad andare per la sua strada e ha deciso che non dovrebbe esserci un limite superiore alla quantità di Etere. L’unico limite posto ai gettoni dell’Etereum è il numero di ETH che possono essere coniati in un anno. E questo è stato fissato a 18 milioni.

Quanto è sicuro l’Ethereum?

La nascita di Ethereum è stata delineata dalla sicurezza. La sicurezza è stata al centro dell’Ethereum fin dal primo giorno. Oggi, è oggi molto considerato come una pedina consolidata da tempo, che lo pone al secondo posto in termini di valore. Infatti, per molte persone, l’Ethereum rappresenta una scommessa più sicura di qualsiasi altra crittovaluta o altcoin.

Ethereum è un pioniere che ha ampliato la funzionalità della catena di blocco. Così facendo, Ethereum ha raccolto una massa critica di fedeli sostenitori per garantirne la prosperità e il benessere per molti anni a venire. E, oltre a ciò, Ethereum è anche significativamente più economico da acquistare rispetto ai suoi predecessori.

È possibile utilizzare l’Ethereum in forma anonima?

La risposta breve è sì, è possibile. I pagamenti anonimi sono stati resi possibili sulla rete dell’Ethereum grazie all’introduzione nell’agosto 2019 di Tornado Cash. Questo pratico strumento permette agli utenti di eseguire transazioni senza rivelare quanti gettoni Ether sono stati scambiati, o anche registrazioni di eventuali acquisti precedenti.

Tornado Cash affonda le sue radici nella crittografia a prova di zero conoscenze, incentrata sulla privacy. Queste prove a conoscenza zero sono state al centro del progetto di base del token Zcash sin dal suo primo lancio. Grazie all’implementazione di Tornado Cash on Ethereum, gli utenti possono ora inviare i token Ether in forma anonima tramite contratti intelligenti.

Quali commissioni di transazione dell’Ethereum devo pagare?

Le tariffe e gli oneri imposti dall’Ethereum sono notevolmente superiori ai costi addebitati dai suoi principali concorrenti. Tuttavia, se questo è innegabile, bisogna considerare anche i costi associati alle carte di credito e ai bonifici bancari. A titolo di confronto, le tasse e le spese dell’Ethereum sono estremamente economiche.

L’Ethereum è un buon investimento?

Da diversi anni l’Ethereum ha mantenuto il suo posto come secondo più prezioso gettone in circolazione. L’Ethereum è, senza ombra di dubbio, una delle principali valute crittografiche globali.

Il suo volume di scambi giornalieri è costantemente significativo, con oltre 270 milioni di dollari scambiati in un solo giorno in coppie ETH/USD al momento della stesura del presente documento. Il prezzo dell’Etere sale e scende naturalmente, quindi siate consapevoli della volatilità e del rischio che comporta. All’inizio del 2018, il prezzo dell’Etere ha raggiunto il massimo storico di 1.430 dollari. Chi avesse avuto la fortuna di acquistare l’Etere nel 2015, quando era scambiato a 42 centesimi, il suo valore più basso registrato, avrebbe avuto un ritorno sull’investimento (ROI) del 9000%. Non troppo malandato per qualsiasi standard.

Detto questo, non c’è dubbio che l’Etereum, nel lungo termine, sia un investimento positivo in cripto-valuta, nonostante l’evidente volatilità in entrambe le direzioni. Le prospettive per il futuro sembrano essere salutari, dato che un investimento nella piattaforma Ethereum è accolto favorevolmente dalla comunità dei crittografi nel suo complesso. Questo perché Ether, soprannominato il “petrolio digitale”, è utilizzato da un campo globale di sviluppatori e innovatori che desiderano creare nuove dApp sulla catena di blocco dell’Ethereum.

Poiché Ethereum è il principale innovatore dell’industria delle crittografie, è eminentemente possibile creare nuove crittografie sull’architettura del token ERC20. In effetti, Ethereum, in un modo o nell’altro, è stato utilizzato come trampolino di lancio per praticamente tutti i suoi attuali concorrenti.

Quali sono le altre monete crittografiche simili all’Ethereum disponibili?

Molte nuove crittocurrenze devono la loro eredità all’Etereum e al suo associato token dell’Etere. Quindi, guardate, ora diamo un’occhiata alle alternative e al loro DNA dell’Etere.

Cardano (ADA)

Spesso indicata come la risposta del Giappone all’Ethereum o “l’Ethereum del Giappone, l’offerta iniziale di Cardano era al 95% di proprietà giapponese al suo lancio. La piattaforma Cardano, che suona italiano, gestisce un gettone digitale chiamato ADA per trasferire la sua moneta digitale in giro. I riferimenti dell’Ethereum sono dovuti al fatto che Cardona gestisce anche dApss sulla sua catena di blocco. Per certi versi, il continuo sviluppo della rete Cardano ha permesso a questo concorrente giapponese di superare l’Ethereum.

NEO (NEO)

NEO è un’altra nuova piattaforma crittografica che ha il sangue dell’Ethereum che scorre nelle sue vene. Come Ethereum, NEO permette lo sviluppo di contratti intelligenti e di altri asset, sulla sua catena di blocco. I geni dell’Ethereum sono ulteriormente esposti grazie all’obiettivo dichiarato di NEO di evolvere nella piattaforma leader per l’economia dei contratti intelligenti. Le sue ambizioni, infatti, tradiscono una somiglianza familiare.

L’asso nella manica di NEO è la sua attenzione alla conformità normativa. Questa enfasi ha portato molti a credere che NEO sia un concorrente e ben posizionato per essere adottato in modo massiccio, in particolare in tutta l’Asia. La comunità dei crittografi sta seguendo gli sviluppi con interesse, in quanto l’Asia è un mercato significativo da rompere per qualsiasi crittovaluta.

Cosa possiamo fare per voi

Potete contare sulla nostra competenza. Abbiamo sollevato il cappuccio e abbiamo fatto una buona ricerca per testare e rivedere una serie di broker dell’Ethereum. Abbiamo anche esaminato i portafogli elettronici e molto altro ancora per arrivare alla nostra migliore selezione dei migliori fornitori. Grazie alle nostre ricerche e alle selezioni fatte a mano, non dovrete fare tutto il lavoro di gambe da soli. Potete iniziare a commerciare con Ethereum oggi stesso ed essere sicuri di farlo in un ambiente sicuro e rispettabile.

E potete farlo oggi stesso, perché ci siamo sporcati le mani per provare e testare un’ampia varietà di fornitori di servizi Ethereum per voi. Il risultato di questi sforzi è una serie di raccomandazioni rivestite di ferro che siamo orgogliosi di seguire.

Se siete alla ricerca di uno scambio affidabile per scambiare Ethereum con denaro contante fiat, non andate oltre, perché abbiamo tutte le piattaforme di primo livello con le migliori valutazioni degli utenti sotto lo stesso tetto.

Partite ora per il nostro viaggio criptato nel trading registrandovi qui con il vostro broker Ethereum preferito.

E per finire, la nostra guida Ethereum si conclude qui con tre FAQ di Ethereum che non abbiamo ancora toccato.

In che modo l’Ethereum è diverso da Bitcoin

In primo luogo, il Bitcoin è una forma di denaro digitale peer-to-peer. La differenza tra l’Ethereum è che l’Ethereum è costruito sulle solide fondamenta del Bitcoin. Ciò che Ethereum ha fatto è stata la costruzione di una piattaforma a catena di blocchi più completa, specificamente progettata con contratti intelligenti e dApp (applicazioni decentralizzate) in mente.

È possibile acquistare l’Ethereum con Bitcoin?

Sì, è così. Quasi tutti i broker e gli scambi sono predisposti per l’acquisto di Ethereum con Bitcoin. La coppia di trading più popolare è, infatti, ETH/BTC.

Devo allestire un portafoglio dell’Ethereum?

No, in teoria, comunque. È possibile utilizzare eToro o uno scambio simile e tenere i vostri fondi con loro. Tuttavia, per motivi di sicurezza e per il livello di protezione più significativo, soprattutto se avete investito una somma consistente di denaro duramente guadagnato, procuratevi un portafoglio Ethereum. Sono facili da configurare e vi tranquillizzeranno.

 

Lascia un commento