Cos’è il Bitcoin? Una guida dettagliata a questa Cryptocurrency

Bitcoin

Bitcoin è il nonno di tutte le crittocittà. Il Bitcoin è stato lanciato nel 2009 e ha debuttato come la crittovaluta originale del mondo.

Tra le decine in circolazione oggi, Bitcoin è stata la prima valuta elettronica p-2-p a raggiungere il mercato. Divorziato dalle banche centralizzate e alimentato da blockchain, il Bitcoin è stato il pioniere delle transazioni anonime. Inizialmente, non imponibile, non ci volle molto tempo prima che le autorità fiscali di tutto il mondo cambiassero questo status. Ora, il Bitcoin (abbreviato in BTC) è soggetto alla regolamentazione fiscale come tutte le altre valute criptate.

È interessante notare che i Bitcoin possono essere scambiati sia come denaro digitale che come attività. Questo doppio status è dovuto principalmente al forte aumento della valutazione. Nel 2011, un bitcoin è costato circa dieci centesimi, ma da allora il prezzo è salito alle stelle, e un BTC vale ora diverse migliaia di dollari.

Ma torniamo all’inizio e scopriamo esattamente cos’è un Bitcoin nella nostra guida utente dedicata ai Bitcoin.

La storia inizia nel 2009 quando un enigmatico programmatore che si fa chiamare Satoshi Nakamoto (forse l’imprenditore australiano Craig Wright), ha creato il Bitcoin come prima moneta criptata in assoluto. A differenza del fiat money, il Bitcoin non è mai stato tangibile, ma piuttosto una valuta che esisteva solo in formato digitale. Si possono usare i Bitcoin nello stesso modo in cui si usano i normali contanti, dato che una tranche crescente di aziende ha autorizzato il Bitcoin come metodo di pagamento accettabile.

Bitcoin

E a differenza delle banconote standard, che sono controllate da un sistema bancario centralizzato, la Bitcoin è completamente decentralizzata e non è legata a nessun paese in particolare. A causa di questa deregolamentazione, il prezzo legato al Bitcoin fluttua a causa della fiducia, così come l’offerta e la domanda intrinseca.

Il Bitcoin, quindi, è una rete aperta mantenuta da volontari di fiducia. Essi registrano ogni Bitcoin scambiato in un libro mastro pubblico che si basa sulla tecnologia blockchain. Questa lontananza dal governo e dal controllo bancario risuona in molte persone.

Ma perché inventare Bitcoin?

Il crollo finanziario globale del 2009 è stato lo stimolo per lo sviluppo di Bitcoin. Lo sviluppatore, o gli sviluppatori, che lavorano sotto l’assunto nome di Satoshi Nakamoto, spronati dal comportamento sconsiderato delle banche, hanno pubblicato un Libro Bianco. Questo Libro Bianco delineava il concetto di Bitcoin come una moneta digitale p2p decentralizzata. Le transazioni sarebbero state registrate in un libro mastro immutabile che offriva una protezione completa. L’effetto generato da Bitcoin fu la lotta per il controllo monetario da parte dell’élite.

Bitcoin è anonimo?

Sì, in gran parte. Non esiste nessuno degli identificatori standard, come i numeri di conto, i nomi dei conti o i numeri di serie emessi dal governo.

Bitcoin utilizza la tecnologia di crittografia e blockchain per collegare le parti che desiderano acquistare e vendere. Ogni transazione è uno scambio tra due portafogli elettronici che viene ufficialmente annotato sulla blockchain. I portafogli elettronici funzionano tramite una chiave di privacy, che viene utilizzata per firmare digitalmente per ogni vendita. Questa firma digitale fornisce la prova inconfutabile che lo scambio è avvenuto.

Quanti Bitcoin ci sono e come vengono creati i Bitcoin?

Attualmente circolano 18 milioni di Bitcoins, ma il numero totale è stato limitato a ventuno milioni. I Bitcoin sono creati dall'”estrazione mineraria”. In parole povere, l’estrazione mineraria Bitcoin coinvolge un gruppo di supercomputer che risolvono problemi matematici che diventano sempre più difficili.

Ogni volta che un minatore risolve un problema, viene ricompensato con un blocco dalla catena di blocchi.

I Bitcoins hanno corso legale?

Questo è quasi un dibattito filosofico che risponde a questa domanda. Alcuni economisti sosterranno che i Bitcoin sono un bene prezioso, non una moneta.

I Bitcoins sono stati progettati fin dall’inizio per agire come un mezzo globale e decentralizzato per pagare. La realtà è che il Bitcoin soddisfa tutti i criteri per essere una moneta.

Questa nozione è supportata dal fatto che le autorità fiscali sono saltate sul Bitcoin come un gioco leale. L’approccio è diverso a seconda del paese. In generale, però, il modello adottato è quello dell’IRS negli Stati Uniti. Secondo il modello di tassazione IRS, i Bitcoin sono tassati.

L’imposta da pagare dipende dal fatto che tu sia un minatore o che tu abbia acquistato le monete. Ogni transazione è tassabile. Tuttavia, se avete estratto la BTC, potreste chiedere il rimborso dei costi per l’elettricità e l’esborso per le attrezzature minerarie. Gli acquirenti di Bitcoin, nel frattempo, saranno soggetti a tassazione per la differenza tra il prezzo di acquisto e la valutazione del Bitcoin quando viene utilizzato per pagare beni e servizi. Per esempio, se avete acquistato un Bitcoin a $1.000 e lo hanno speso quando il Bitcoin valeva $1.500, il debito d’imposta sarebbe, quindi, sulla differenza di $500.

Bitcoin positivi e negativi

Bitcoin non è perfetto. Come la maggior parte delle cose, ha dei difetti. Scaviamo un po’ più a fondo.

Vantaggi Bitcoin

Il vantaggio più significativo di Bitcoin è la sua pura flessibilità. Bitcoin opera 24 ore su 24, 7 giorni su 7 in tutto il mondo. I possessori di Bitcoin sono gli unici responsabili del loro denaro, e non sono soggetti ai capricci dei governi e delle banche centrali.

L’anonimato della Bitcoin è una guardia contro i furti di identità. Le transazioni Bitcoin sono segnate sul libro mastro e sono trasparenti al 100%. I dati personali di entrambe le parti coinvolte non vengono mai divulgati.

L’elaborazione di una transazione Bitcoin è più veloce e meno costosa rispetto ai sistemi di pagamento convenzionali. Questa velocità e il basso costo rendono i pagamenti Bitcoin attraenti sia per i consumatori che per i commercianti come alternativa alle tradizionali carte di debito e di credito.

I negativi di Bitcoin

Mentre il Bitcoin viene adottato come metodo di pagamento da numerosi commercianti e governi come metodo di pagamento, c’è ancora un po’ di strada da fare per l’accettazione generale.

Il Bitcoin è percepito come un investimento volatile e rischioso nonostante il suo profilo globale. Alcuni governi sono ancora sospettosi nei confronti del Bitcoin, in particolare la Cina.

Devo mettere dei soldi in Bitcoin?

Gli esperti di criptovaluta e di economia sono in contraddizione sul futuro della Bitcoin. Si oppongono, con i ragazzi della crittografia che credono fermamente che il valore aumenterà costantemente con una più ampia adozione del Bitcoin come moneta legale. Alcuni economisti, d’altra parte, liquidano il Bitcoin come una “bolla” troppo gonfia, con il potenziale di far crollare il mercato finanziario.

Al momento, è difficile essere inequivocabili sull’argomento. Certamente, c’è sicuramente un’opportunità di investimento che potrebbe portare a profitti enormi se la domanda di Bitcoin sarà sostenuta in futuro. Probabilmente si può dire che il Bitcoin è un investimento a lungo termine, ma l’aumento dell’interesse è una notizia incoraggiante.

Quali sono le spese di transazione Bitcoin?

Il mercato della crittovaluta si sta affollando, e recentemente Bitcoin ha ricevuto critiche per le sue commissioni di transazione e di cambio relativamente elevate. Ci sono circa tre milioni disponibili per il mio, dato che il numero di Bitcoin è stato limitato a 21 milioni.

Una volta estratto, lo sforzo necessario per estrarre un nuovo Bitcoin diventa sempre più arduo e richiede sempre più tempo ed energia. Inoltre, nel tempo il ritorno per l’estrazione dei Bitcoin si riduce del 50 per cento fino a raggiungere lo zero. I minatori, quindi, devono riflettere lo sforzo aggiuntivo nell’estrazione di nuovi Bitcoin, da qui le spese relativamente più elevate che richiedono.

Le spese di transazione dei Bitcoin sembrano molto modeste in confronto ai costi sostenuti per i pagamenti con plastica o con bonifici bancari transfrontalieri. Detto questo, la tecnologia delle catene di blocco è in continua evoluzione, e c’è ora una legione di concorrenti che offrono prezzi bassi.

Bitcoin è anonimo e sicuro da usare?

L’anonimato era un dato di fatto quando il Bitcoin è entrato per la prima volta sulla scena della crittovaluta e un incentivo significativo per le persone ad adottare il Bitcoin come sistema di pagamento anonimo. Oggi, questo vale ancora, a patto che si trasferisca Bitcoin all’interno della rete BTC.

Ma gran parte di questo anonimato si perde se si passa attraverso broker e scambi di terze parti per effettuare transazioni con i Bitcoin. Queste aziende devono aderire alla legislazione volta a prevenire il riciclaggio di denaro sporco e quindi richiedono di acquisire le informazioni dei clienti prima di poter creare un nuovo conto. Se decidete di incassare il vostro Bitcoin e farvi accreditare la valuta fiat direttamente sul vostro conto bancario, allora la transazione sarà trasparente e tracciabile per voi.

Bitcoin è sicuro da usare?

Una moltitudine di importanti entità monetarie e di investitori professionisti di alto livello hanno approvato Bitcoin e contribuito ad ottenerne il riconoscimento a livello mondiale. Circa 11 anni dopo il suo lancio, le credenziali di Bitcoin sono ormai consolidate da tempo. L’alto livello di sicurezza di Bitcoin è determinato dalla sicurezza della tecnologia utilizzata dalla catena di blocco Bitcoin.

Grazie al modo in cui la blockchain funziona come una rete distribuita, si può dire che la Bitcoin ha il sistema di pagamento più sicuro che il mondo abbia mai visto. Questo incredibile livello di sicurezza è possibile perché tutte le informazioni registrate sulla blockchain vengono condivise attraverso una massiccia rete di nodi globale. Se queste informazioni dovessero essere modificate, i dati originali sono ancora contrassegnati sulla maggior parte degli altri nodi. Qualsiasi modifica delle informazioni come questa verrebbe semplicemente annullata e l’integrità del sistema verrebbe mantenuta.

Come possiamo aiutarvi oggi

Abbiamo ampiamente sondato e indagato una serie di broker BTC, portafogli elettronici e servizi Bitcoin per arrivare a una lista di fornitori preferiti. Potete esaminare le nostre raccomandazioni qui su questo sito e iniziare il trading Bitcoin. Lo farai in un ambiente che è veloce, sicuro e rispettabile.

Abbiamo selezionato a mano, dopo molte deliberazioni, i siti migliori per acquistare Bitcoin e presentarli per la vostra ispezione. Ogni piattaforma è classificata in base alle migliori recensioni degli utenti. Abbiamo anche alimentato nelle nostre analisi approfondite e critiche di ciascuna di esse, per rafforzare ulteriormente la classifica generale. Siamo quindi fiduciosi nell’accuratezza delle informazioni che presentiamo. Queste piattaforme si sono tutte dimostrate eccezionalmente affidabili e ottime per scambiare Bitcoin con la valuta fiat.

In seguito ai nostri confronti dettagliati, si sono distinte come le borse più affidabili su cui trattare il Bitcoin.

Inizia oggi stesso la tua carriera nel trading di Bitcoin creando un conto con il tuo broker Bitcoin preferito.

FAQ Bitcoin
Dove posso acquistare Bitcoin?

Il metodo più semplice per acquistare Bitcoin è quello di acquistare da un sito di scambio come Coinbase o tramite un servizio di deposito a garanzia come LocalBitcoins. Gli scambi sono adatti per i neofiti di Bitcoin in quanto passano il tempo a spiegare in termini profani il processo di acquisto di criptovaluta.

È possibile connettersi, da qualsiasi luogo, su qualsiasi dispositivo, a patto che abbia una connessione internet stabile. Dopo aver utilizzato i loro servizi, per una maggiore sicurezza, potete tenere i Bitcoin acquistati in un portafoglio che custodisce le chiavi private dei Bitcoin relative alle vostre monete.

Per volumi maggiori di Bitcoin, è consigliabile utilizzare uno scambio che si occupa di transazioni OTC. Le borse OTC sono specializzate nella gestione di ordini di grandi volumi e tipicamente elaborano il proprio ordine molto più velocemente di quanto potrebbero fare le altre borse. L’utilizzo di una borsa OTC significa che si sta acquistando Bitcoin offline mentre si effettua l’ordine per telefono o si visita la loro sede.

Qualcuno controlla Bitcoin?

Come già detto in precedenza, nessuna persona o autorità individuale ha il controllo della Bitcoin. A causa della natura del Bitcoin come moneta digitale decentralizzata, esso è effettivamente controllato reciprocamente da coloro che possiedono o utilizzano il Bitcoin.

Quanto sono anonime le transazioni Bitcoin?

Tutte le transazioni Bitcoin sono anonime in quanto l’identità delle persone coinvolte non viene scambiata nelle transazioni. Tuttavia, ogni transazione ha una traccia di controllo sul libro mastro pubblico della catena di blocco.

Bitcoin è soggetto a tassazione?

La misura in cui il Bitcoin è tassazione dipende dalla legislazione dei singoli paesi. Questa esposizione varia molto, quindi è meglio controllare nella vostra giurisdizione locale.

Anche se il Bitcoin non può essere considerato come denaro contante fiat, il Bitcoin è soggetto a tassazione in tutto il mondo. Queste passività fiscali si basano di solito su cose come il livello di reddito generato per un individuo, le plusvalenze patrimoniali e gli utili realizzati dalla vendita del Bitcoin.

Si può perdere Bitcoins per caso?

Conservare i Bitcoins in un portafoglio elettronico in modo sicuro, ed è quasi impossibile perdere le monete. L’unica preoccupazione da questo punto di vista è se si perde la possibilità di accedere al portafoglio elettronico. Se ciò accade, i Bitcoins contenuti nel portafoglio vengono rimossi dalla circolazione a causa del fatto che nessun altro ha la chiave della privacy.

Quali fattori influenzano la valutazione di Bitcoin?

Il driver primario del valore Bitcoin è la domanda e l’offerta. Se la domanda di Bitcoin aumenta, aumenta anche il prezzo. Al contrario, il prezzo precipita con un calo della domanda di Bitcoin. Quando si arriva al numero totale di Bitcoin (21 milioni di Bitcoin), un’influenza sempre più significativa sul valore dei Bitcoin sarà giocata sia dalla domanda che dall’offerta.

 

Lascia un commento